Il museo del Peperoncino

Cari VACABONDI, se siete amanti del peperoncino e dell’arte, allora questo museo è proprio quello che fa al caso vostro.

Avete capito bene, un bel luogo per raccontare 6000 anni di storia, un posto dove mettere in mostra l’arte, gli oggetti e la pubblicità ispirata al “diavolillo”, un riferimento obbligato per gli amanti dei profumi e dei sapori piccanti.

IL museo è ubicato nel palazzo Patrizio di Maierà, in provincia di Cosenza, un piccolo borgo dell’alto tirreno cosentino, a pochi km da Diamante, patria del Festival del Peperoncino e nasce da un’idea dell’Accademia Italiana del Peperoncino.

Il museo al suo interno presenta differenti sale espositive:

  • La Via del Peperoncino: questa prima sala racconta i 6000 anni di storia e di viaggi del peperoncino, con mappe, fotografie, disegni e testimonianze storiche.
  • La Pianta Profumi e Sapori: Una panoramica sulle varietà coltivate nel mondo, le loro caratteristiche , il loro sapore, il loro profumo e il loro grado di piccantezza.
  • La sezione della Pubblicità e Fantasia di ogni giorno: all’interno di questa sala si trova la collezione di salse più famose, provenienti da ogni parte del mondo.
  • La “Collezione di Uova Pic” realizzate dal concorso ideato dal museo Ovo Pinto, situato a Civitella sul Lago, con il quale sono gemellati. In questa stessa sezione è possibile trovare anche i più vari prodotti realizzati da con sua maestà il peperoncino. Profumi, bagno-schiuma, quadri, costumi da carnevale, peluche e tante altre curiosità.
  • La sezione della Satira con la “vignette sul Ring”, del famoso vignettista Gianfranco
  • La stanza con la collezione “Chiliphernalia di Harald Zoschke – febbraio 2017
  • La sezione Ceramica & Peperoncino con la “Tazzina Pepita” che la fa da padrona, una tazzina accattivante, curiosa e stimolante, realizzata nel 2014 dall’artista Franco Saporito ed esposizione di Capolavori in ceramica di importanti artisti oltre a vari pezzi in ceramica realizzate da varie aziende
  • La sezione hot (v.m.14 anni) con lo spazio Eros & Kamasutra e i dipinti di Francesco Cirillo. All’interno di essa è ubicata una opera marmorea realizzata da Michele Valenza che ritrae il Gemellaggio Piccante tra il “Peperoncino di Diamante” ed il “Pomodoro siciliano di Villalba”.
  • La Sala Quadri e la Proiezione in tv della filiera del peperoncino e delle immagini del festival
  • La sezione Aziende & Gastronomia con l’esposizione del peperoncino in tutte le salse (prodotto, trasformato e commercializzato dalle medesime)

Il museo è possibile trovarlo aperto dal 15 Giugno al 15 Settembre dalle ore 18:00 alle ore 22:00.

Durante il “Peperoncino Festival”, che si svolge ogni anno a Diamante (Cs), è aperto dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle 18:00. 

I gruppi e le comitive possono concordare i giorni e gli orari delle Visite in qualsiasi altro giorno, telefonando al Comune di Maierà (tel. 0985889102) e all’Accademia Italiana del Peperoncino (tel. 098581130).

Insomma VACABONDI , se siete amanti del “diavolillo” e siete in zona Cosenza, non potete non fare una visita a questo particolare museo.

KEEP CALM and VACABONDA!

Rispondi